venerdì 31 marzo 2017
ultimo aggiornamento:

Orto a marzo: a sorpresa sboccia un nuovo entusiasmo.

Marzo pieno di sorprese. Il mese inizia sempre con quella festa della donna. Da quando ho avuto l'età per “festeggiare” ho odiato festeggiare. “Festa” ridicola, fatta per chi esce una volta all'anno ma ha bisogno di una scusa come questa, pensavo. Poi ho scoperto la violenza sulle donne, e l'8 marzo è diventato per me il giorno tristissimo dei bilanci di morte a nemmeno tre mesi dall'inizio dell'anno. Quest'anno c'è stato addirittura uno sciopero internazionale, e io che non partecipo volentieri nemmeno a questi eventi di massa, col pensiero un po' c'ero, eppure non mi sono sentita coinvolta al cento per cento. Invece ho approfittato per la prima volta in vita mia di una cosa “per sole donne”, un ingresso gratuito a un parco tanto famoso quanto inutile: davvero la gente paga per andare lì? Non fa prima a farsi una passeggiata in montagna?