martedì 31 luglio 2018
ultimo aggiornamento:

Lazzaro felice di Alice Rohrwacher.


Voi sapete cosa è un tasso barbasso? E quali piante si possono mangiare? Forse in pochi, perché abbiamo perso quel contatto con la terra tipico della società contadina. Lazzaro invece non l’ha persa. Lazzaro è il protagonista di un magnifico film di Alice Rohrwacher, presentato all’ultima edizione di Cannes (gran bella edizione questa del 2018), dove ha vinto, più che meritatamente, il premio come migliore sceneggiatura.

lunedì 16 luglio 2018
ultimo aggiornamento:

Compostiera fai da te.

compostiera fai da te con tessuto non tessutoLa compostiera è quel contenitore abbastanza grande dove mettere sfalci d'erba, avanzi di cibo vegetali e legnetti, per dirne tre, che trasformandosi durante un naturale processo di decomposizione diventano compost (o composto). Il compost quindi è una specie di humus artificiale, perché lo fai tu dentro una compostiera, che ripara i materiali e così favorisce la decomposizione. Tu intanto ti garantisci una scorta per un anno di terra biologica. Dico per un anno, ma se continui ad alimentare il compost, puoi tranquillamente dire a vita.

lunedì 9 luglio 2018
ultimo aggiornamento:

Orto di giugno: riassunto di fine mese.

A giugno tra i lavori per imbiancare e le vacanze in bicicletta non abbiamo fatto nemmeno una foto dell'orto. Per non parlare dei lavori: se pioveva restavamo in casa a leggere, se non pioveva spalancavo le finestre e dipingevo un'altra parete della casa. Insomma l'orto di giugno ha dovuto arrangiarsi e, come mostra il video, direi che se l'è cavata benissimo. Quest'anno sono totalmente in linea col cosiddetto orto naturale che si autogestisce!
(se non vedi il video guardalo su youtube)

martedì 3 luglio 2018
ultimo aggiornamento:

Una giornata nell'orto.

una giornata nell'orto
Me ne stavo in costume sotto la magnolia, a scrivere sul diario i perché e i per come, quella volta che Alli decise che non saremmo andati in bici nel pomeriggio.

Io avevo un bel po' di cose da fare nell'orto, bene bene. La pioggia aveva fatto ricrescere l'erba, e c'era ancora quella dell'altra volta da togliere. Le aiuole erano da pulire, per non parlare delle aiuole da creare.

Il solo pensiero mi fece volare nell'orto, tra le calendule in fiore, e per un attimo persi il filo di quello che stavo scrivendo. Cosa stavo scrivendo? Scrivevo che mi sarebbe piaciuto avere la siepe già alta per, in quelle giornate di sole, fare yoga all'aperto non vista dai vicini che grigliavano a tutto spiano.