martedì 30 ottobre 2018
ultimo aggiornamento:

Nell'orto con OTEME.

Oteme e Il corpo nel sogno 2018

Torna l'intervista in diretta nell'Orto, torna con un progetto a noi molto caro, quell'Osservatorio delle Terre Emerse (in sintesi OTEME), portato avanti da Stefano Giannotti con forza e determinazione assieme a un bel gruppo di musicanti veri. Questa sera tutti insieme (o quasi) parleranno della loro musica, partendo dal recente terzo album siglato OTEME, uscito per la seconda volta con Ma.Ra.Crash Records, Il corpo nel sogno. Un disco dove si mescola abilmente musica colta e canzone d'autore, ironia sul web e riferimenti pop-rock. Rock – In – Opposition, con una sigla che forse vi dirà poco, e allora vi invitiamo a sentire il disco di OTEME partendo da qui, leggere e se volete partecipare all'intervista in diretta, seguire questo interessante progetto nel suo sito.
Mi diverte sapere che Il corpo del sogno sia nato da un forte mal di schiena (che conosco bene, purtroppo), un foglio con alcuni appunti e una chitarra sul letto, come dice nella presentazione di questo disco Stefano Giannotti. Alla fine è uscito un lavoro completo, riflessivo e d'avanguardia, sensuale e liberatorio, con un titolo che dice molto. Il corpo nel sogno, come può essere? Metafora dell'attuale società liquida? Forse è solo una pista. E allora ascoltiamo cosa hanno da dirci gli OTEME per capirci qualcosa. Pronti?


Come funziona l’intervista in diretta.

Tutte le domande e tutte le risposte di questa intervista sono nei commenti. Durante l’intervista potete aggiornare la pagina per veder comparire i nuovi commenti. Se arrivate qui a intervista finita… la trovate comunque nei commenti, scendete verso il fondo della pagina senza paura!

Aggiornamento delle 22:40.

Ecco il video di Orfeo e Moira, il brano più apprezzato durante l'intervista in diretta:





Aggiornamento coi link citati nell'intervista.

Plancton di Battiato >qui
La storia infinita di M. Ende >qui
Carlos Castaneda >qui
L'intervista dell'Alligatore per Il giardino disincantato, OTEME 2013 >qui 
Il brano Per mano conduco Matilde >qui
Il video del brano Orfeo e Moira >qui
Il Bolero di Ravel >qui
La recensione dell'Alligatore dell'ultimo film di Alice Rohrwacher, Lazzaro felice >qui
I Penguin Cafe Orchestra, gli Henry Cow, gli Art Zoyd (pagina in inglese) e Zappa
La tuba e il vibrafono, strumenti usati in questo disco dagli OTEME 
Un concerto in quartetto degli OTEME >qui
Il cd si può comprare sul sito della Ma.Ra.Cash Records >qui
La pagina del CD con le varie previews e le informazioni specifiche >qui
Il video del brano Blu Marrone >qui
Un vecchio video da cui partiranno gli OTEME per il loro nuovo progetto >qui 

Ancora grazie agli OTEME.

197 commenti:

  1. Ciao a tutti, benvenuti nella nuova intervista nell'Orto rinnovato.

    RispondiElimina
  2. Benvenuti nell'orto di Elle e Alli. Io ci sono!

    RispondiElimina
  3. Attendiamo Osservatorio delle Terre Emerse, OTEME, graditi ospito.

    RispondiElimina
  4. Ciao, che piacere sentirvi, ci sono anch'io, Stefano

    RispondiElimina
  5. Eccoci! C'è qualcun altro?

    RispondiElimina
  6. Benvenuto Stefano, piacere nostro.

    RispondiElimina
  7. Certo! Buonasera a tutti! Manu presente

    RispondiElimina
  8. Dovrebbe raggiungerci anche Emanuela Lari, e forse qualcun altro...

    RispondiElimina
  9. Sì, è arrivata a quanto pare.

    RispondiElimina
  10. Trovo bellissimo questo modo di fare interviste... un'idea davvero geniale

    RispondiElimina
  11. Grazie, per te è la seconda volta.

    RispondiElimina
  12. L'Alligatore è geniale uahahaha!

    RispondiElimina
  13. Solo che dalla palude siamo passati nell'Orto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moooolto meglio l'orto, per noi che apprezziamo le cose buone da mangiare... Oltre alla bella musica

      Elimina
  14. Intanto vi facciamo i complimenti per il bel sito sull'orto e la cultura biologica, meraviglioso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Noi vi facciamo i complimenti per questo nuovo album.

      Elimina
  15. Grazie, e complimenti a te per la vostra musica, sorta di musica biologica, buona per il mente e il corpo come la vera produzione bio.

    RispondiElimina
  16. E visto che lo stiamo ascoltado, direi di partire con il parlare del disco, se sei pronto ...

    RispondiElimina
  17. Come è nato Il corpo nel sogno? Tra un forte mal di schiena e Fb? Cosa è peggio?

    RispondiElimina
  18. Molto peggio il mal di schiena, te lo assicuro, soprattutto quando ti trovi a strisciare per terra. Disteso sul letto con un foglio ed una penna tirai giù il testo della canzone IL CORPO NEL SOGNO e di lì partì tutto.

    RispondiElimina
  19. Immaginavo il mio corpo trasformato in una foresta pietrificata. Ci sono rimandi anche a La Storia Infinita di Ende (il libro, non il film e a Plancton del primissimo Battiato)

    RispondiElimina
  20. Io adesso immagino una palude pietrificata... il mal di schiena di Alli ahahah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, non solo a suonare anche a coltivare ci si fa del male, ah ah

      Elimina
  21. Conosco bene il mal di schiena, quindi posso capirti ...

    RispondiElimina
  22. La storia infinita è un libro? Lo cercherò in biblioteca!

    RispondiElimina
  23. Ottime infuenze le altre (e mi fai venire voglia di leggere il libro di Ende).

    RispondiElimina
  24. La Storia Infinita è un capolavoro, direi, un libro apparentemente fantasy, ma in realtà molto filosofico e direi buddhista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora in linea con il mio attuale spirito ;)

      Elimina
  25. E cercheremo quel disco di Battiato.

    RispondiElimina
  26. Perché questo titolo? Il corpo nel sogno ...

    RispondiElimina
  27. Un altro rimando al corpo sognante dei viaggi astrali, di cui ho letto molti anni fa nei libri di Carlos Castaneda. Questa possibilità di accorgersi che stiamo sognando e di guidare il sogno in direzioni che vogliamo, ovvero muoversi all'interno del sogno in maniera cosciente.

    RispondiElimina
  28. Come ricavare un buon risultato catartico da una situazione di forte svantaggio... Siamo in troppi con il mal di schiena...(Manu)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è un fan sconosciuto che apprezza la nostra produzione... Scusate se io appaio come sconosciuta, sto partecipando faticosamente con il cellulare... (Manu)

      Elimina
  29. A me è successo di recente. Ho fatto finire il sogno come mi sembrava più opportuno visto quello che era successo. Una sensazione così strana, che al risveglio quel sogno aveva meritato una decina di pagine dettagliate sul mio diario ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, è molto interessante, ma le poche volte che sono riuscito a guidarlo, in effetti è faticoso. Ma è una scoperta bellissima

      Elimina
  30. Ah, ah, ah vero Manu, purtroppo è così ... ma a volte, certi malanni vengono per darci messaggi ... e questo disco può esserlo.

    RispondiElimina
  31. E interessante questa cosa sul sogno ... Castaneda lo conosco di fama, è mi è sempre interessato, credo dovremo approfondire.

    RispondiElimina
  32. Lo leggevo quando avevo 22 anni, qualche secolo fa. Non sono tanto esoterico, credo però che molte cose la scienza non le ha ancora spiegate, e in quei libri si trovano dei belli insegnamenti di vita

    RispondiElimina
  33. Cerceremo alcuni suoi libri, Elle ha già prenotato in biblioteca Ende :)

    RispondiElimina
  34. Come è stata la genesi del cd, dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale?

    RispondiElimina
  35. Molto complicata come sempre, ma questa volta più veloce rispetto agli altri due CD. Le esperienze precedenti ci hanno insegnato molto sulla produzione e soprattutto sulla realizzazione delle canzoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e anche su chi ci può sopportare meglio quando arriviamo a registrare in studio... Merita sempre un encomio a parte...(Manu)

      Elimina
  36. n genere impiego molto tempo a scrivere brani cantati, a volte una canzone mi prende più tempo che un'opera intera di musica sperimentale/contemporanea. Ma per IL CORPO NEL SOGNO le cose sono scivolate in maniera più naturale.

    RispondiElimina
  37. Abbiamo messo molte prove come sempre, ma c'è anche tanto lavoro di elettronica e montaggio in studio, fatto in totale solitudine creativa.

    RispondiElimina
  38. Merito del sistema bibliotecario regionale super tecnologico ;)
    Il film mi era piaciuto molto, e il libro ha più di 400 pagine, assieme al legame con questo album fanno una terna di buoni motivi per leggere il romanzo.

    Ora sto leggendo chi è Castaneda, su wikipedia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro mi ha lasciato senza fiato, c'è molta matematica e una struttura narrativa talmente perfetta che sgomenta

      Elimina
    2. Non vedo l'ora di leggerlo!

      Elimina
  39. Si sente: che è un lavoro nato e sviluppato in modo naturale, e anche che c'è un lavoro di elettronica dietro.

    RispondiElimina
  40. Be' l'elettronica in fondo è uno strumento che può essere impiegato in modo naturale, direi. Credo che i due livelli acustico ed elettronico si possano sposare bene qualche volta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e quando succede è magia pura, come sento in molte canzoni del disco ...

      Elimina
    2. In effetti io non avrei detto che c'è elettronica...

      Elimina
  41. Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione del disco?

    RispondiElimina
  42. Sono contento che vi piaccia, ripaga i nostri sforzi

    RispondiElimina
  43. I bei pranzi da Manu (Emanuela Lari, la tastierista/cantante) le domeniche e i sabati che ci ritrovavamo tutti assieme per le prove. Manu mi ha ricordato un discorso di Riccardo, il nostro percussionista filosofo, che a un certo punto ferma il gruppo e dice; “Ma vi rendete conto che noi, alla nostra età, siamo qui di domenica a studiare assieme? Una cosa rara oggi”.

    RispondiElimina
  44. E poi i quattro elettrocardiogrammi che mi sono sorbito perché avevo la sensazione che il cuore mi funzionasse male (ma era solo la troppa applicazione al computer durante la lavorazione del video ORFEO E MOIRA, che cominciava a darmi le palpitazioni).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un disco molto fisico, quindi, oltre che filosofico.

      Elimina
    2. La tecnologia non è sempre utile e positiva ahi ahi.

      Elimina
    3. Vero, in realtà siamo tutti un po' schiavi della tecnologia, ma dobbiamo imparare ad utilizzarla bene

      Elimina
  45. Be' naturale, la produzione ti prende interamente, ma è prprio quello che da alla fine soddisfazione

    RispondiElimina
  46. Già, bene e male sono legati in modo magico, ancestrale.

    RispondiElimina
  47. In attesa che Manu dica qualche suo ricordo particolare sul disco (se ne ha), vado avanti.

    RispondiElimina
  48. Ah si`, il giorno in cui abbiamo provato per sette ore, ognuno con un malessere diverso... Dal mal di testa al mal di denti, raffreddore, stomaco, eccetera...Tutti hanno portato il loro contributo... Per fortuna le lasagne hanno tirato su il morale... per riprendere a suonare dopo...

    RispondiElimina
  49. C’è qualche pezzo che preferisci? O che preferite tutti? Qualche pezzo del quale vai/andate più fiero/i di Il corpo nel sogno?… che piace di più fare live?

    RispondiElimina
  50. Anche Riccardo con le fette di pane dietetico e il montone arrosto intero, ah ah

    RispondiElimina
  51. Live è una parola impegnativa. In realtà si suona forse due volte all'anno, non ci sono soldi da nessuna parte ed una realtà come OTEME non può andare nei pub, ha bisogno di teatri o sale da concerto vere e proprie. Comunque... Il mio brano preferito è ORFEO E MOIRA, Riccardo credo che ami molto SONO INVISIBILE e BLU MARRONE, dove si cimenta su un drum'n'bass furioso. Comunque sai, sono tutti figli e il padre li vede tutti belli, niente da fare.

    RispondiElimina
  52. A proposito di figli, saluto Matilde la mia figlia che ci sta seguendo da berlino, come Elle molti anni fa snell'intervista sul GIARDINO DISINCANTATO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saluto anche io Matilde, che a Berlino ci è proprio nata, se non ricordo male.
      Sì, sì, facevo "l'inviata da Berlino" ahahah! Che ricordi ;)

      Elimina
    2. PER MANO CONDUCO MATILDE è uno dei nostri cavalli di battaglia

      Elimina
  53. Mancavamo solo io e Alli con le verdure dell'orto ihih.

    RispondiElimina
  54. Un saluto a Matilde e a Berlino.

    RispondiElimina
  55. Orfeo e Moira anche per me... l'ho ribattezzato il brano che non c'era...Ed e'stato quello per cui mi sono commossa alla fine del lavoro per come e' riuscito... Ma anche Neglibor, che mi fa sorridere per gli anagrammi... Stefano spiega

    RispondiElimina
  56. Neglibor, anagramma di Brignole dove i Cinesi diventano gli Iescin, la Rumena la Numera

    RispondiElimina
  57. Tra le mie preferite Prato fiorito, lo senti il prato fiorito,con tutti questi suoni magici, trombe, piano, il ritmo, la chitarra elettrica, una vera e propria sinfonia campestre.

    RispondiElimina
  58. La mia domanda preferita è quella sulle domande preferite, perché anche io posso rispondere!

    RispondiElimina
  59. E' la descrizione di un sogno, un viaggio nell'inconscio, cantato in prima persona da Valeria Marzocchi,la flautista con i controcanti nostri, in realtà siamo tre personaggi, Valeria è la protagonista, io sono un autista di autobus, Manu è un'altra presenza femminile misteriosa ed inquietante che emerge dal buoi

    RispondiElimina
  60. Mi piace Strippale, il Bolero terzo e Orfeo e Moira, oltretutto così "sofferta" acquista significato. Comunque tutto l'album merita più di un ascolto (io propendo sempre per la ripetizione a giornata)!

    RispondiElimina
  61. Mi intrometto.. Ciao a tutti! Sono Rebecca, grande fan di Emanuela e sostenitrice silenziosa degli Oteme fin dai loro esordi e dal Giappone all'Italia con furore!!
    Ho avuto l'onore, anni fa, di assistere a delle prove per il festival Collinarea e posso confermare che sono musicisti alternativamente al top!! Grandi Oteme ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rebecca, bella la tua testiomonianza.

      Elimina
    2. Prego (^^)/
      Il piacere è mio!!

      Elimina
    3. Ciao Rebecca benvenuta!
      Io e Alli vorremmo un giorno assistere anche noi alle prove degli OTEME, la tua è stata un'esperienza impagabile!

      Elimina
    4. È stato proprio bello..infatti ricordo tutto come fosse ora!
      Bella gente, ottima musica e tanto divertimento!

      Elimina
  62. ORFEO E MOIRA, c'è appunto anche il video che è stata un'impresa epica, lo trovate qui: http://stefanogiannotti.com/it/video/orfeo-e-moira/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello! L'ho aggiunto al post, e metto anche qui il link cliccabile alla pagina del tuo sito col video.

      Elimina
  63. Piace anche a me, come a Elle, Sono invisbile (Bolero terzo)... storia surreale, pacifista, sull'uomo invisibile musicalmente costruito sul Bolero. Sembrate suonare come un uomo solo ... perché terzo, questo Bolero?

    RispondiElimina
  64. Grande Rebe, tesoro! Evviva tutti i fan, silenziosi o rumorosi, vanno bene tutti! Basta che continuino ad esserci e ad aumentare... Scusate, io ne approfitto! Che bello questo sostegno...

    RispondiElimina
  65. Il Bolero primo è TERRE EMERSE dal GIARDINO, il bolero secondo è IL MUTAMENTO da L'AGGUATO, L'ABBANDONO, IL MUTAMENTO e questo è il bolero terzo, ce ne è sempre uno in ogni disco

    RispondiElimina
  66. SONO INVISIBILE è un brano poliritmico; io suono il violino come un banjo in 6/8, Riccardo suona le percussioni in 7/8 8così c'è uno shifting) e quando appare il bolero si va in 3/4 come nel Bolero di Ravel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè sfasamento. Se contiamo contemporaneamente, partendo assieme,tu da 1 a6 ed io da 1 a7 quando tu sei su 2 io sono su 1 e così via, pian pian si sfasa per tornare ciclicamente entrambi sull'1. Musicalmente dà un effetto strano e per me molto bello

      Elimina
    2. Interessante. Per me la musica è solo quello che sento, e gli effetti mi affascinano senza sapere perché. Ma il bello è che se anche me lo spieghi, il mistero rimane e non perdo piacere nell'ascoltarlo!

      Elimina
    3. Grazie Elle per la tua sensibilita'. E' quello che dico sempre anch'io quando mi chiedono di definire la nostra musica... Stefano una volta ha risposto "storta, ma storta parecchio", per fare prima... Io dico "ascolta, poi ne riparliamo"...

      Elimina
  67. Stupenda anche Neglibor, colorato pezzo senza tempo per questo nonviaggio che sembra un film Alice Rohrwacher.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come dice Elle, è un disco tutto da ascoltare, qui faremmo notte a citarle tutte.

      Elimina
  68. Interessante, non la conosco, vado a documentarmi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inizia con la recensione di Alli al suo ultimo film, Lazzaro felice, proprio qui nell'orto ;)

      Elimina
    2. Ti piacerà, e a lei piacerà la vostra musica.

      Elimina
  69. Credo che sia in linea anche Gabriele Stefani, una delle voci di OTEME e anche dell'orchestra SMS, un'altra bella avventura musicale

    RispondiElimina
  70. Sì, ci sono. Buonasera a tutti, complimenti per questa intervista alternativa, molto interessante

    RispondiElimina
  71. Ciao Gabriele, benvenuto nell'Orto.

    RispondiElimina
  72. Ciao Gabriele, benvenuto nell'orto di Elle e Alli!

    RispondiElimina
  73. Risposte
    1. Se vuoi aggiungere qualcosa, Gabriele, sul disco e su quello che i è detto fai pure ...

      Elimina
  74. Io intanto vado con la prossima domanda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cd è prodotto da Ma.Ra.Cash Record, con i quali c'è da un po' sintonia? … altri nomi da citare “dietro”e “dentro” il cd?

      Elimina
  75. Ma.ra.Cash Records ha prodotto i nostri ultimi due CD e anche il mio lavoro con Salvo Lazzara LA VOSTRA ANSIA DI ORIZZONTE. Massimo Orlandini è un nostro grande supporter, e c'è una bella stima reciproca. La Ma.Ra.Cash è specializzata soprattutto in rock progressivo, noi siamo totalmente altro, ma non sapendo come classificarci, visto che comunque è un progetto trasversale fra canzone d'autore, contemporanea colta e avantgard rock alla Art Zoyd, Zappa, Henry Cow e Penguin Cafe Orchestra quella è stata la collocazione che sembrava migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per tutti gli ignoranti come me, ovvero per coloro che ignorano i riferimenti musicali, ecco i suddetti descritti su wikipedia, l'enciclopedia libera: i Penguin Cafe Orchestra, gli Henry Cow, gli Art Zoyd (pagina in inglese) e Zappa che, mi dice Alli, è Frank Zappa e non c'entra nulla con l'orto.

      Elimina
  76. OTEME, acronimo di Osservatorio delle terre Emerse è sostanzialmente un progetto di canzoni da camera con un ensemble a metà fra classico, jazz, folk e sperimentale. I musicisti che operano al suo interno e che spesso variano, scorrazzano in lungo e largo per queste regioni. Ne IL CORPO NEL SOGNO hanno collaborato i citati Emanuela Lari e Riccardo Ienna, Valeria Marzocchi alla voce e flauto, Valentina Cinquini alla voce e arpa, Lorenzo Del Pecchia ai clarinetti, Maicol Pucci alla tromba e flicorno e Marco Fagioli alla tuba e trombone. Poi ci sono due voci aggiunti, Edgar Gomez, compositore e multi-strumentista venezuelano e Gabriele Stefani, giovane cantautore e mio studente di chitarra. Lascio per ultimo, come la ciliegina sulla torta il grande Antonio Caggiano, ospite al vibrafono su ORFEO E MOIRA e BLU MARRONE. C'è poi il fantasmino di Rubidori Manshaft, una cara amica, strepitosa drammaturga, fondatrice della compagnia teatrale Officina Orsi, a cui ho dedicato i due brani RUBIDOR#1 (in cui ha collaborato con il testo) e RUBIDOR #2.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto bene a citarli tutti, perché è un disco dove si sente una partecipazione vera e piena. Come dicevo prima per un pezzo suonate come un solo uomo.

      Elimina
  77. Ci tenevo ad esprimere un mio piccolo pensiero. Per come la vedo io, arte significa esternare il proprio segreto. A volte mi piace pensare a questo segreto come memoria condensata, altre come vuoto o dolore. Ecco, in questo disco, e in generale nel sound di OTEME, io avverto la presenza di questo segreto; la avverto perché ci sono tante immagini, tanta interpretazione, e soprattutto occorre farsi carico di un certo peso artistico, ascoltando... cosa che non avviene spesso in altri generi

    RispondiElimina
  78. Gran parte del gruppo è quello originale, dunque dopo diversi anni c'è una buona sintonia

    RispondiElimina
  79. Copertina e libretto interno che è arte oltre l'arte, e che ben si accoppia con la musica? Come è nata questa copertina? Chi il creatore di essa e di tutto l'artwork?

    RispondiElimina
  80. Che bell'ensemble!
    La tuba e il vibrafono cosa sono?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tuba è qui https://it.wikipedia.org/wiki/Tuba_(strumento_musicale) e il vibrafono qui https://it.wikipedia.org/wiki/Vibrafono

      Elimina
  81. Tommaso Tregnaghi è l'altro nome importante da citare, il grafico, che ci ha accompagnato fin dal primo CD. Lui ha realizzato il digipack, io l'intero lavoro d'arte contenuto nel libretto, 8 tavole tutte collegate a metà fra la letteratura fantastica, i quadri surrealisti, forse anche un po' di psichedelia, realizzate con un paziente lavoro di fotomontaggio di decine e decine di frammenti. Tommaso ha poi corretto il colore, dato qualche tocco qua e là. Lavoriamo molto bene assieme; generalmente ci troviamo e facciamo brainstrorming, poi le idee cominciano a fluire e ci dividiamo i compiti.

    RispondiElimina
  82. Come presentate il disco dal vivo?

    RispondiElimina
  83. Come ti dicevo, al momento i concerti sono rarissimi. Di questo CD abbiamo suonato quattro pezzi al Circolo Dietro le Quinte di Pontassieve, a febbraio dello scorso anno, prima dell'uscita del CD. Comunque li presentiamo in forma concerto, in genere si prova ad essere tutti ed otto, ma spesso ci troviamo in sestetto o a volte alcune canzoni le presento anche da solo. Una volta, anni fa realizzammo un concerto in quartetto (https://www.youtube.com/watch?v=W-7zOQXyDdk)

    RispondiElimina
  84. Ho organizzato i brani in diversi arrangiamenti per diversi organici strumentali, così lo stesso brano si può suonare in pochi o in molti musicisti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo anche multi tasking e ci autoricicliamo in piu' versioni... Siamo ecologici... Scusate, Stefano si intristisce quando parla dei concerti che o non ci sono o sono sottopagati, quindi io la butto sempre sul ridere...

      Elimina
    2. Sì, perché penso che suonare oggi è una festa, è sempre una festa, un rito che contiene anche un bel gesto di altruismo, donare noi stessi alla gente, farla riflettere, farla star bene, o anche male, ma passarle i nostri pensieri

      Elimina
  85. Un modo come un altro di fare economia, non sprecare nulla

    RispondiElimina
  86. Altro da dichiarare? ... sul disco, ma anche sul vostro rapporto con l'orto e gli ortaggi, la frutta ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per noi musica e cibo sono fortemente correlati... Vero ste?

      Elimina
    2. Be' da quando ho scoperto l'estrattore la vita mi è cambiata parecchio, succhi di frutta fresca tutti i giorni e almeno quattro di noi hanno un orto. Ma personalmente non ho tempo di stare nell'orto e nel giardino dunque se ne occupano altre persone della mia famiglia. Il mio studio comunque è proprio in mezzo all'orto e anche quello di manu, dove facciamo le prove in genere è in mezzo alle piante di olivo.

      Elimina
    3. Cosi' abbiamo rivelato quasi tutti i nostri segreti...

      Elimina
  87. Frutta e verdura per tutti!

    RispondiElimina
  88. Sul CD invece ci sarebbero molte cose da raccontare, soprattutto sulla parte contenutistica, sui testi, sulla filosofia di base. E anche sul progetto... Ad esempio, ogni brano è totalmente diverso dall'altro; c'è il racconto surreale di SONO INVISIBILE, dove il testo parla di uno che vuole sparire completamente, ma non ce la fa, anche perché non appena ci riesce la gente comincia a santificarlo e scoppiano guerre e disordini, a cui lui stesso è invitato a partecipare, una volta riapparso; c'è il collage verbale, appunto su RUBIDOR#1, dove alcune frasi di Rubi prese da fb vengono combinate liberamente e la musica si muove come un collage di frasi e ritmi ognuno su di un metronomo diverso come in un caos organizzato (in pratica un po' come se Zappa avesse creato un Music Circus alla Cage).

    RispondiElimina
  89. E così via attraverso 13 brani. L'unità la dà l'arrangiamento per questo organico con molti fiati e molte voci...
    lascio alcuni link per i curiosi.
    Innanzitutto il luogo online dove poter acquistare il CD, ovvero il sito della Ma.Ra.Cash Records: http://store.maracash.com/product_info.php?products_id=443
    Poi potete visitare la pagina del CD con le varie previews e le informazioni specifiche:
    http://oteme.com/it/il-corpo-nel-sogno/
    Consiglio, anzi prego il popolo musicale di guardare il video di ORFEO E MOIRA (non so se rifarò una cosa simile e quando)
    http://stefanogiannotti.com/it/video/orfeo-e-moira/
    e anche il video di BLU MARRONE (più semplice)
    http://stefanogiannotti.com/it/video/blu-marrone/

    RispondiElimina
  90. Un disco vario e vivo come le verdure di un orto insomma.

    RispondiElimina
  91. Possiamo dirlo così, ascoltandolo da qui ...

    RispondiElimina
  92. Un bel pomodoro maturo, ne abbiamo alcuni giganti nell'orto, mio padre ha conservato i semi da generazioni e generazioni

    RispondiElimina
  93. Anche se, autocitandomi attraverso PER MANO ONDUCO MATILDE, sta cominciando la stagione degli "ultimi pomodori depressi", ah ah

    RispondiElimina
  94. Risposte
    1. Rotondo come un disco ... o un pomodoro.

      Elimina
    2. Sono molto riconoscente a tutti i musicisti che hanno voglia di collaborare con me. E'un privilegio oggi avere attenzione e poter studiare insieme alle persone. Non abbiamo più venti anni, dunque riuscire a ritagliare tempo da passare assieme musicalmente... è una meraviglia

      Elimina
  95. Elle sta cercando di riconettersi, si è spostata nell'altra stanza. E voi, ci siete?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tornata! Che fatica la tecnologia...

      (mi sembra di essere di nuovo a Berlino, connessione lenta e tu non sei nella stessa stanza con me!)

      Elimina
  96. Oppure nell'Orto c'è troppo buio?

    RispondiElimina
  97. Un ciclo continuo, come Il corpo nel sogno che va a ripetizione qui da noi.

    (mi era saltata la connessione!)

    RispondiElimina
  98. Abbiamo detto, se non tutto, molto mi pare ...

    RispondiElimina
  99. Stiamo iniziando una nuova avventura. Abbiamo vinto il bando presso il Teatro dello Scompiglio a Lucca con un'opera mirata a metà fra canzone d'autore, musica da camera, sound-art, sul tema della morte, da portare in scena il 1 giugno 2019. Siamo molto emozionati

    RispondiElimina
  100. Molte cose interessantissime. Questo mondo musicale degli OTEME è davvero bello, non solo il risultato, ma anche il contesto in cui creano la musica, e le persone stesse che la suonano.

    RispondiElimina
  101. proprio oggi ho terminato una delle prime canzoni per il nuovo progetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che ospiteremo volentieri qui. Ci puoi dire qualcosa, o è prematuro?

      Elimina
  102. Vedere Lucca e ascoltare OTEME dal vivo :)

    RispondiElimina
  103. Anni fa creai un video sull'Hospice, dove lavora mia moglie. Il video è su youtube
    https://www.youtube.com/watch?v=88pARdkCvps&t=2s
    Per ora è prematuro parlarne perchè siamo prprio all'inizio e inoltre ci sono variazioni nell'organico. Comunque si parte da lì. Poi vedremo strada facendo, ma vi terremo aggiornati e sarebbe bello se avete voglia di fare una girata avervi fra il pubblico

    RispondiElimina
  104. Vedremo, sarebbe bello ... intando cominciamo a vedere il video. Grazie Stefano.

    RispondiElimina
  105. Vi segnaliamo comunque alcuni brani dal vivo:
    https://www.youtube.com/watch?v=NfnCYFM9AIo
    https://www.youtube.com/watch?v=1Ptsi8cxIJU
    https://www.youtube.com/watch?v=KnFdc4SPf24

    RispondiElimina
  106. Grazie a voi per la bella intervista, grazie a manu, rebecca e Stefano, a Mariola (mia moglie che ci sta seguendo) e a tutti coloro che non vediamo.

    RispondiElimina
  107. Grazie a te Stefano, e grazie Emanuela, Gabriele, Rebecca, Mariola e tutti quelli che ci hanno seguito ... spero di non aver dimenticato nessuno, vero Elle?

    RispondiElimina
  108. E complimenti ancora per l'orto e per la bella scelta di vita che avete fatto

    RispondiElimina
  109. Quando la mia connessione si assesta, metto i link cliccabili direttamente nel post per chi arriverà a intervista conclusa, che ne dite?

    RispondiElimina
  110. Manu saluta tutti! Grazie dell'ospitalità e dell'affettode

    RispondiElimina
  111. Grazie a tutti, sì, proprio tutti, gli OTEME ufficiali e quelli che stanno defilati ;) e grazie anche a chi non ha avuto il coraggio di commentare, lo so che ci siete uahahaha!
    Buona musica a tutiiii!

    RispondiElimina

Se vuoi commentare, prima leggi la nostra informativa sulla privacy, per sapere come usiamo i tuoi dati (nome e indirizzo email che dovrai inserire per commentare). Letta? Ecco, adesso puoi commentare.